lunedì 21 febbraio 2011

Matasse di lana e antichi attrezzi per filare/Seven Seas of Rhye

La primavera è alle porte, il sole fa un po' quel che vuole, ed è quasi tempo di fare le  famigerate pulizie di stagione così che persino io mi son messa a fare dell'ordine. 
Qualche tempo fa la signora Ersilia mi ha regalato un paio di sacchi di lana: molti gomitolini di avanzi, un paio di rocchetti grandi giganti, qualche matassina nuova di mohair (confezionati in gomitoli da 25 grammi non li avevo mai visti), un maglione fatto a mano da disfare, un mezzo maglione fatto a macchina da disfare, tanti pezzi di maglieria (ve lo devo dire?) da disfare. Avevano anche bisogno di una bella lavata, così mi son messa a srotolare i gomitolini e fare le matasse, e già che c'ero ho fatto la stessa cosa per tutta la lana vecchia vecchia che avevo già di mio. Qui sotto l'ultimo lavaggio: i blu.



Lavate, messe in ammorbidente, stese ad asciugare. Una meraviglia. Devo dire che da vedere le matasse son più belle dei gomitoli, son quasi tentata di lasciarle così per sempre. 
I rossi in questa foto di seguito sono un po' piatti e bruciati, con la digitale questo colore mi dà un sacco di problemi. Succede solo a me? Anche il verde a volte spara...

Le matasse di lana, lavate e morbidissime.

Alcune matasse provenivano da vecchie sciarpe disfatte ed hanno avuto bisogno di essere "stirate" perchè veramente troppo ondulate, e qui mi è venuta in aiuta mia mamma quando si è ricordato di un altro uso dell'aggeggio qui sotto:


Non sò il nome esatto di questo attrezzo, io l'ho sempre usato per disfare le matasse di cotone che acquistavo e l'ho usato in questo caso anche per fare le mie matasse di lana.


Edit del 28/11/2016: dopo anni ho trovato la risposta. Si chiama aspo o dipanatore. Meglio tardi che mai!


In ogni modo, la lana una volta lavata và rimessa dentro e tenuta in tensione fino all'asciugatura. In questo caso, la lana della foto l'ho "filata" io unendo tre colori diversi tra quelli "riciclati", un altro dei miei esperimenti. Speriamo bene.



A presto!

6 commenti:

  1. Neanch'io so come si chiama quest'attrezzo, però ne ha uno più piccolo anche mia mamma....
    e ti assicuro che era il mio incubo di quando ero piccolina!!!!
    Mia madre mi costringeva ad aiutarla a fare i gomitoli di lana...comprava quelle matasse giganti che non finivano mai (...ed io mi chiedevo "ma perché non compra i gomitoli già fatti????"...)e poi con quel dannato aggeggio mi teneva delle ore a rotolare: che orrore!!!
    Scherzi e ricordi a parte, è un accessorio utilissimo, ed è la prima volta che ne vedo uno così grande e antico, sembra proprio un filatoio da fiaba!!!
    Comunque hai proprio un bell'assortimento di lana!!!
    Ciao ciao
    cri

    RispondiElimina
  2. Mamma mia quanta lana!!! Curioso questo attrezzo!
    baci baci

    RispondiElimina
  3. Grazie per la visita....
    Ah, dimenticavo, quell'attrezzo è proprio un arcolaio....ho chiesto a mia mamma, quindi fonte sicura!!!
    Ciao, e a presto
    Cri

    RispondiElimina
  4. Che meravigliosi colori e quanti gomitoli di lana...anche io adesso sto imparando ad utilizzare i ferri, ma sono ancora all'inizio per cui la lana sotto le mie mani e solo sprecata!
    Grazie per la tua visita e per il tuo sostegno...e non ti preoccupare non abbandonerò il mio omino strampalato!

    Un bacio...
    Chiara

    RispondiElimina
  5. Che colori meravigliosi .........
    Milena

    RispondiElimina
  6. Questo attrezzo è un arcolaio particolare :-))

    RispondiElimina

Il vostro tempo è prezioso e io vi ringrazio di cuore per quello che mi date leggendomi e scrivendomi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni totali