venerdì 15 marzo 2013

Il Kal della knitter perfetta "Guardaroba ideale" /Vedo Nero


Ci ho messo più di un mese ma finalmente anch'io partecipo attivamente al "Kal della knitter perfetta"! Se cliccate sul banner sopra accederete direttamente alla pagina facebook dell'evento, in cui troverete tutte le spiegazioni e la lista dei capi da realizzare. Inoltre si può seguire l'evento anche su Ravelry, qui: http://www.ravelry.com/groups/stitchn-spritz-trieste
Grazie a Valentina Cosciani di Artherapy per l'iniziativa, decisamente nelle mie corde!
Avrei voluto partire subito a febbraio quando l'ho scoperto e mi sono unita, ma cause di forza maggiore mi hanno costretto a rimandare (maglia del fratello da finire). A marzo mi si sono liberati i ferri e così ho potuto iniziare proprio dal modello di marzo: (numero 5) golf di cashmere o in ottima lana merino dal taglio classico e abbottonato sul davanti in nero. Ora, sono troppo in bolletta per del cashmere ma mesi fa ho "ereditato" delle rocche di lana merino (nera e nero-fumo) anche se forse un po' sto barando, sono rocche per la maglieria a macchina, ma dopo aver dop... triplicat... Vabbè, ho fatto quasi 10 giri di filo, ma regolarissimo e con un po' di attenzione nel lavorarlo sta venendo una cosa bella bella... Qui sotto il wip:


Non ho mai fatto un top down e, siccome è una delle caratteristiche richieste, ho deciso di iniziare da qui. Il mio problema: non ho seguito un solo schema tra quelli proposti. Non è obbligatorio, anzi, ma magari uno schema aiuta specie se si è alle prime armi con una tecnica nuova... ma niente: sono testarda più di un mulo e ho deciso di farmene uno mio, a sentimento, sono partita con una vaga idea in testa e ora vedo dove mi porta il cuore... Cose positive: la mia spacciatrice di lana si è rifornita di ferri circolari fino al numero 12 (e di ferri diritti fino al numero... 25!!!!) e ho iniziato ad ampliare la mia collezione. Per questo cardigan ho inaugurato i circolari numero 6 e in più, altra cosa positiva, ho iniziato ad usare la tecnica continental per la lavorazione con i circolari, che è infinitamente più pratica e veloce (ma solo con i circolari, con i ferri dritti torno alla vecchia scuola english).

Ora, non avrei mai creduto di dover ringraziare la Sanità italiana per la realizzazione di questo cardigan: per qualche infausta congiunzione astrale, facendo da "accompagnatore" tra visite mediche di routine e soggiorni fuori programma al Pronto Soccorso (niente di grave), in 4 giorni ho realizzato il 90 per cento di quello che vedete in foto. Solo ad attendere il proprio turno. Grazie  a tutti, specie al Pronto Soccorso. Stavo bene anche senza. Tant'è.
Capito ora il "Vedo Nero"?

A presto!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni totali