lunedì 29 marzo 2010

Work in progress/Chi dorme non piglia

Eccomi qui di nuovo, ho fatto passare un po' di tempo dall'ultimo post, ma non sono rimasta inattiva. Ho qualche lavoretto avviato che presto arriverà ad essere terminato, per ora vi mostro su che tavolozza mi sono orientata in questa settimana: 


Colori decisamente primavera-estate!
A forza di chiamarla, finalmente questa primavera è arrivata. Ora devo preparare i cuscini su cui inevitabilmente finirò per ronfare, così di punto in bianco, dato che in questo periodo sono io che entro in letargo...
A presto!

lunedì 22 marzo 2010

Rosellina all'uncinetto/Se son rose

Non commento neppure quanto sia bella la giornata di oggi...
Autoconvincendomi del sole splendente, vi mostro una collanina fatta in cinque minuti qualche tempo fa, con l'aspirazione di sfoggiarla con un bell'abitino leggero. E' una rosellina fatta all'uncinetto con due avanzi di filato che avevo in casa, il colore avorio è irrimediabilmente finito, mentre di lurex ne ho fin troppo...
 

Trovo che il risultato sia molto fine nella sua essenzialità, ne sto comunque progettando di colorati. Non saprei spiegare per iscritto come l'ho fatto, io stessa dovrò cercare di ricordarmelo.
Comunque:
  • filato Brilla della Filatura di Crosa (42% cotone, 58% viscosa); ho confuso le etichette con un altro colore della stessa linea ma poco importa perchè ho comprato questo filato in offerta qualche anno, quindi aveva già qualche anno di proprio, per cui magari in giro questo specifico non si trova più, ma sicuramente ce ne sono altri. Del lurex color oro non so dirvi nulla, ho perso tutte le etichette; non credo che faccia molta differenza la composizione -il lurex è lurex- ma ci sono alcuni tipi che, fatti come un micro-tubolare, si sfilano se non si sta attente, altri in cui il filo, che dovrebbe essere ritorno per stare assieme, si apre (non saprei spiegarvelo, ma è come quando si arrotola una ciocca di capelli: una volta lasciata andare, la ciocca di disfa, si "apre"). Fatto sta che mi dà sempre qualche problema, di qualunque marca, ma continuo ad usarlo.
  • lavorandoli assieme ho usato un uncinetto del 4 e mezzo, per un risultato bello morbido.
  • il cordone è di molto anteriore alla rosa, fatto con lurex oro e argento; stavo sperimentando come fare i cordoncini e per renderlo più interessante l'ho annodato in modo irregolare.
Incoraggiandola questa primavera dovrà ben arrivare!
A presto

domenica 21 marzo 2010

Canotta e sciarpina in cotone/Maglia rasata/L'erba del vicino è sempre più verde-2

Ho aspettato tutto il giorno uno sprazzo di sole, uno spicchio di cielo blu o per lo meno azzurro pallido, ma nulla da fare: grigio assoluto.
Verde per verde, in un solo giorno passo dalla lana al cotone, sperando che la primavera si dia una svegliata;


 

Questa canotta ha un po' di anni, non credo nemmeno si trovino ancora i filati che ho usato, ma poco importa perchè si può usare qualcos'altro, no? Il modello della canotta non è mio, al tempo seguivo i modelli delle riviste per imparare, ho solo fatto a maglia rasata quello che era a grana di riso. Sono completamente responsabile della sciarpa, una malainterpretazione del punto à-jour (ancora adesso non ho capito come si fa questo punto) che l'ha resa lunghissima e leggerissima, ma se si impiglia da qualche parte son dolori, si forma un buco che poi bisogna con pazienza cercare di richiudere tirando i fili un po' qua e un po' là.
Dati pseudo-tecnico/informativo:
  • punti: coste 1/1 e maglia rasata per la canotta; punto legaccio e à-jour (sbagliato) per la sciarpa.
  • due filati, entrambi della Adrianwool: Dalia colore 106 (60% cotone, 20%poliammide, 20% viscosa); Lusso colore 704 (46%poliammide, 30%cotone, 24% dralon). Per la canotta li ho lavorati insieme, mentre per la sciarpina leggera li ho alternati. Lusso è il filato con i bozzolini, personalmente a me piace ma a mio fratello fa abbastanza senso... Quindi se fa senso anche a voi non ve ne voglio male.
  • se non ricordo male, ferri numero 6 per entrambi.
Nel mio armadio ci sono altre cose che aspettano da anni di venire fuori, ma anche le idee nuove vogliono il loro spazio, bisognerà trovare il giusto equilibrio.

BUONA PRIMAVERA!

...e a presto!

Maglione a collo altlo/Torciglioni/L'erba del vicino è sempre più verde

...e se non lo è l'erba, nonostante sia il primo giorno di primavera, lo sono i miei gomitoli!
Approfitto di questi giorni un po' incerti per continuare a condividere altra robetta invernale, visto che il bel tempo è qui che si fa aspettare con una tazza di the bollente in mano.
Tra le maglie che ancora non ho definitivamente messo nell'armadio e che stanno incerte ad attendere, c'è questo maglione in tutte le tonalità del verde:


sabato 20 marzo 2010

Abitino in lana ai ferrri/Chi ben comincia

...almeno ha iniziato!
Benvenuti!
Sferruzzare è la mia passione, e negli anni ho accumulato un discreto numero di maglioni, sciarpe, berretti e qualunque cosa serva per combattere il freddo. Era un po' che volevo aprire un blog per condividere i risultati del mio sferragliare folle e non potevo scegliere periodo peggiore per iniziare a farlo: l'inizio della primavera! L'unica mia giustificazione è che è ancora abbastanza freddino da queste parti, quindi si può usare ancora, ma per poco, la lana.








Questo è, finora, il mio pezzo più ambizioso e anche uno di quelli che mi ha preso più tempo, ma ne sono soddisfatta. L'ho finito da due settimane e quindi non odiatemi se sono contenta che sia ancora freddo...
Farlo in un pezzo unico è stata una scelta dettata dal tipo lana, un autorigante assolutamente imprevedibile per spessore della riga stessa e per colori; ok, ammetto che non avevo assolutamente voglia di cucire due parti così lunghe, faccio sempre delle cuciture o troppo tese o troppo molli... Le uniche giunzioni le ho fatte per chiudere le spalle, usando i ferri. Sono partita dalla base e dopo alcune prove fare&disfare, ho continuato.
La collana è stata realizzata su ispirazione di quella di Alessia utilizzando una misera parte delle centinaia di bottoni che mia madre ha raccolto nel corso degli anni, staccandoli dagli abiti dismessi; ho cucito i bottoni su un cordone intrecciato dello stesso tipo del resto del vestito.
Altri dati pseudo-tecnico/informativo:
  • punti: grana di riso, maglia rasata rovescio, punto trecce.
  • la lana così rigata è la Colorado della Mondial (58% lana vergine merino, 42% acrilico) colori 865 e 868; li ho mischiati, sono molto simili come gradazione cromatica, tanto che facevo fatica a distinguere i gomitoli dell'uno o dell'altro colore. Avendo preso la lana in due volte ho perso il conto di quanta ne ho usata, ma dovrebbe essere sull'ordine della dozzina per una taglia 46. Lavorando in circolo il rigato è più evidente, ma facendo un normale maglione o un berretto o una sciarpa scompare lo stacco netto e si fa più evidente la sfumatura. Comunque uno sceglie la lana che preferisce.
  • ferro circolare numero 4 e mezzo; io l'ho trovato solo da 80 cm di lunghezza, e questo mi ha impedito di capire bene quello che stavo combinando.
Presto provvederò a creare schema e spiegazioni, e anche con qualcosa di più attinente alla stagione che sta arrivando!

p.s.
Purtroppo le foto non rendono giustizia a quelli che sono i colori reali...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni totali